Publication – Armando Petrucci, « Scritti civili », a cura di Attilio Bartoli Langeli, Antonio Ciaralli, Marco Palma

Armando Petrucci (Roma, 1932 – Pisa, 2018) ha insegnato Paleografia all’università (Salerno, la Sapienza di Roma, la Scuola Normale Superiore di Pisa), pubblicando numerosi e innovativi lavori di storia della scrittura, tra i quali La scrittura. Ideologia e rappresentazione (Einaudi, 1986), Le scritture ultime. Ideologia della morte e strategie dello scrivere nella tradizione occidentale (Einaudi, 1995), Prima lezione di paleografia (Laterza, 2002).

Comunista per tutta la vita, ha inteso l’attività di ricerca, il lavoro universitario, l’impegno culturale e sociale come momenti congiunti di responsabilità politica. Questo libro documenta una parte della sua operosità, quella affidata a quotidiani (soprattutto «il Manifesto») e riviste. Sono interventi non accademici e perciò espressioni libere della sua militanza civile. A quelli pubblicati si aggiungono alcune interviste e un “quasi inedito” (o “pressappoco edito”), meritevole – nella prospettiva di questa raccolta – di più ampia diffusione.

4d99967f1991df88e198b5714209b7bb_w600_h_mw_mh_cs_cx_cy

Table des matières :

Premessa
Articoli
1. Un atto: le dimissioni
2. I molti errori della sinistra
3. Università. Chi si oppone e chi si rassegna al decreto Pedini. Ma è proprio vero che l’alternativa è solo questa?
4. Pedini lascia l’ermellino ai baroni
5. Ma chi ci lavora nella ‘nuova università’?
6. La donna sta al prete come il servo al padrone
7. E l’università tornò sola
8. Per paura o per cautela
9. Ferire di scrittura. Un’arma caricata con l’abbiccì
10. Considerazioni impolitiche sul ‘mostrismo’
11. Furfanti popolari
12. Piccole importanti ricerche, poco costose
13. Rubens, ritratti politici. In italiano
14. Il mestiere di incursore nella scrittura dei Tuareg e degli indios d’America
15. Casamassima, militante sul fronte dei libri
16. Sintesi di competenze
17. Dalla carta di stracci a uno straccio di carta
18. In biblioteca c’è un tesoro sepolto
19. Analfabetismo prossimo venturo
20. L’autore incamminato sul viale del tramonto
21. Una pantera che legge e scrive
22. Gli italiani partecipi e volenterosi nella favola bella raccontata dal Censis
23. Michel Foucault e il suo antagonismo radicale in transito alle frontiere americane
24. Triste parabola dei graffiti urbani dalla guerriglia murale all’insulto razzista
25. Copy-Book Masters
26. Corrispondenze in seno al popolo: un secolo di epistolari privati
27. Le idee all’Indice. Galeotto fu il libro e chi lo scrisse
28. Il testo, un piacere lungo una vita
29. Mattoni di carta
30. Scritture dimenticate ci narrano un diverso medioevo
31. Nelle pieghe della scrittura, liberi e schiavi
32. Strategie di avvicinamento alla comunità dei lettori
33. Libri e TV, concorrenza inventata
34. L’anarchico Bianciardi ieri e oggi
35. L’invenzione della scrittura per favorire l’asservimento
36. Virginio Orsini ospite di Elisabetta I tra i sospetti dei gesuiti
37. Una violenza teatrale ma cruenta nella città di Dio e dell’eros
38. Contro il risentimento
39. L’età del libro
40. Fatti e misfatti degli uomini-libro. Muore il libro, ma non si è mai pubblicato tanto
41. Quando con Calvino si parlava di graffiti
42. La vita tonda del purista Fornaciari
43. Il caciocavallo di Benedetto Croce
44. Bianchi Bandinelli e i postcomunisti
45. Le scritture prime di Giorgio Cardona
46. L’orma leggera dei Maori
47. Arrigo Cajumi, limone sottaceto
48. Io me lo ricordo bene Gaetano De Sanctis
49. Memoria spegniti
50. Claudio Mutini, un cinquecentista ‘contro’
51. Alla scrittura con affetto
52. Otto secoli con la penna in mano
53. La génesis de los textos literarios
54. La storia falsa
Intermezzo. L’inedito (o quasi edito) L’altra storia: le scritte murali
Interviste
1. Urlo senza potere. Una scrittura povera e rozza assedia i muri delle città, di Domenico Starnone Precede: Domenico Starnone, Storia della calligrafia; segue Italo Calvino, Quel muro è un’aggressione
2. Demologia e scienze umane, di Valerio Petrarca
3. Du nouveau monde… à l’ancien (Gazette du livre médiéval) Seguono: Anne H. van Buren, Le ‘nouveau monde’ répond à l’‘ancien’ e la replica di Petrucci, Précisions à propos du «Nouveau Monde»
4. La città in scrittura, di Raul Mordenti e Alessandro Portelli
5. Memoria, società e scrittura, di Judittha Santori
6. Armando Petrucci: una passeggiata per i sentieri della scrittura, di Antonio Castillo Gómez
7. La lettera. Così muore una cultura con radici antiche, di Francesco Erbani
8. Perché l’università di massa è più importante della Normale, di Francesco Erbani
Referenze iconografiche
Indice dei nomi

Informations pratiques :

Armando Petrucci, Scritti civili, a cura di Attilio Bartoli Langeli, Antonio Ciaralli, Marco Palma, I Libri di Viella, 2020. pp. 292, 15×21 cm, bross. ISBN: 9788833132167. Prix : 29 euros.

Source : Viella

A propos RMBLF

Réseau des médiévistes belges de langue française
Cet article a été publié dans Publications. Ajoutez ce permalien à vos favoris.